Civil Society Lab

Il focus del CSLab è il nesso tra società civile e governo locale. In particolare, il CSLab vuole essere luogo di dibattito e confronto tra accademici, soggetti istuzionali e attori della società civile sulle nuove strategie e partnership pubblico-private per la promozione dello sviluppo locale e la formulazione e implementazione di politiche pubbliche locali in grado di garantire beni e servizi in un periodo di austerità fiscale e di riduzione della spesa pubblica.
Occorre infatti riconoscere che negli ultimi decenni la complessità della governance locale è aumentata. A fronte di risorse finanziarie decrescenti, i processi di globalizzazione hanno spinto i governi locali a competere per attrarre capitali e persone (Le Galès 2002; Savitch e Kantor 2002; Sassen 2012), mentre l’evoluzione della composizione demografica ha favorito la diffusione di nuovi modelli di vita e di lavoro contribuendo a diversificare i bisogni dei cittadini (Denters e Rose 2005; Glaeser e Gottlieb 2006; Turok e Mykhnenko 2007; Kantor e Turok 2012). Maggiore complessità, austerità e competizione hanno accentuato il ricorso a partnership pubblico-private, quale modalità di co-produzione di politiche pubbliche e strategia per affrontare nuovi problemi con minori risorse (Brenner e Theodore 2002, Stoker 2011, Reynaers e De Graaf 2014).
Secondo Ostrom (1996), la co-produzione di una policy o di un servizio, si verifica quando parte degli input necessari alla sua produzione provengono dalla società civile, profit o non profit. Nello specifico, la co-produzione di politiche pubbliche può riguardare sia la fase di progettazione, sia quella di implementazione e gestione, e può coinvolgere imprese, soggetti di terzo settore e persino cittadini comuni (Brandsen e Pestoff 2008).
In questo quadro, l’azione della società civile nelle sue più varie espressioni, dalle fondazioni civili e di comunità a quelle bancarie, dalle associazioni ricreative a quelle di volontariato laiche e religiose, alle cooperative di più diverso genere, si prefigura come potenziale supporto al governo locale, ma anche come fattore potenzialmente destabilizzante in termini di logiche di rappresentanza, di distribuzione di risorse fra territori, di accountability dei governi locali.
Di particolare interesse, a livello di governance locale, è la co-produzione del welfare locale, che, sebbene già in nuce negli anni settanta (Ostrom 1986), pare oggi assumere forme inedite (Powell 2013), per esempio con l’affermazione di modelli a crescente specializzazione, dove pubblico, privato e terzo settore diventano, rispettivamente, principale regolatore e finanziatore, ed erogatore di politiche e servizi pubblici (Campi 2006).
Il Civil Society Lab intende promuovere una riflessione incentrata sul concetto di co-produzione di politiche pubbliche, sulle sue articolazioni reali e sulle implicazioni che questa modalità comporta in termini di paradigmi di policy, di diverso utilizzo degli strumenti di policy e di mutamenti degli assetti della governance locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *